Torna a Visita CittàLa Collegiata - Via della Fortezza - La Rocca

Inizio paragrafo6) E' difficile dire la sorpresa che ognuno prova nel trovarsi in questa piazzeta della Collegiata! All'imponenza incombente delle rocce si contrappone uno squarcio di verde delicatissimo che va crescendo dalla collina diBelverde alla cima della montagna: alla rugosa cinta muraria che precipita dalla rocca, fa riscontro il luminoso biancore della Chiesa Collegiata. Nella piazzetta della Collegiata c'è un vecchio pozzo in travertino, di buona lavorazione. La chiesa, piantata sulla viva roccia, risente dello stile gotico-francescano bloccandolo in una quadratura romanica. Notevoli, sulla liscia parete della chiesa, le tre eleganti bifore (manca la colonnetta centrale) che la illuminano all'interno e forse ancor di più all'esterno. Intitolata alla "SS.Trinità" (1200 ca.) era, in origine, ad una sola navata. Quella laterale, aggiunta nel 1571 venne arretrata rispetto al corpo centrale in seguito alle lesioni riportate durante un terremoto. Dalla posizione delle porte laterali di tipo romanico (chiuse già anticamente), rialzate rispetto al piano stradale, si presume che la chiesa sia stata costruita su un edificio più antico, forse costituito dalla vechcia "Cura di S.Stefano". Internamente, a sinistra della porta d'ingresso, si può notare un affresco attribuito al Pinturicchio, raffigurante la "Madonna Assunta". Il paesaggio rappresentato sulla parte bassa è infatti stilisticamente ricollegabile alla scuola umbra, e collocabile tra la fine del '400 e gli inizi del '500. Sulla parete sinistra della navata, dentro a una nicchia, un affresco di "Madonna con Bambino e un Santo" databile tra il 1400 e il 1500, mentre un altro affresco cinquecentesco è situato presso il Fonte battesimale. Lungo le pareti della navata principale, infine, due tele sei-settecentesche raffiguranti "S.Carlo Borromeo" e una "Madonna con Santi".

Inizio Paragrafo

Inizio paragrafo7) La strada riprende a salire, ci troviamo in Via della Fortezza: è il vero ingresso alla rocca medievale. La strada sembra quasi un sentiero che si chiude con un porticino insignificante. Con una ripida salita, tagliata nella roccia, da qui si entrava nella rocca. Per fortuna subito a sinistra un breve camminamento ci porta ad una vera terrazza, continuando usciremmo a "cittadella", per la passeggiata che abbiamo prima consigliato. Davanti a noi il paesaggio già notato dalla piazzetta della Collegiata. Piazzetta che ammiriamo sotto di noi nel suo chiaro impianto geometrico. E scopriamo entro il muro che scende a precipizio, il camminamento interno che permetteva di correre dalla rocca alla cinta muraria.

Inizio Paragrafo